Navigazione veloce

GLI ALUNNI DELL’ ITC DIVENTANO REFERENTI ALLA SALUTE: LA LILT NELLE SCUOLE PER EDUCARE ALLA PREVENZIONE DEI TUMORI

Il coinvolgimento dei nostri studenti è stato totale nell’assumere il ruolo di “referenti alla salute”. Le classi terza A  e terza C, il 20 Ottobre c.m., accompagnate dal Dirigente scolastico dott. Girolamo Arcuri e dalle proff. Rizza e Audia, si sono recate in Piazza Pitagora dove hanno dato il via al progetto di ASL. Dopo aver montato lo stand, hanno dato inizio alla giornata di sensibilizzazione e promozione alla cultura della prevenzione come metodo di vita. Coadiuvati dalla volontaria Antonella Montalbano, che li ha elogiati più volte per l’impegno e la dedizione profusa,   i nostri studenti hanno gonfiato i palloncini rosa e li hanno distribuiti, spiegando con grande incisività  ai passanti l’importanza e le finalità della Lilt. Il mondo dei giovani, infatti, è sicuramente più ricettivo ai messaggi educativi, ecco perché è importante la loro partecipazione attiva. La LILT lo sa, l’ambiente scolastico, infatti, continua ad essere quello privilegiato: stili di vita sana, la lotta al tabagismo e una corretta alimentazione rappresentano un impegno rilevante nella lotta contro i tumori. L’efficacia della prevenzione è tanto maggiore quanto più precoci e mirati sono gli interventi. Ecco perché vengono sensibilizzati: insegnanti, dirigenti scolastici, studenti e famiglie, Sezioni Provinciali LILT, medici, psicologi e volontari per promuovere nella scuola la cultura della Prevenzione. “E’ fondamentale – ha sottolineato la responsabile Debora Mandica  – che non si interrompa il lavoro e la collaborazione tra LILT e il mondo dei giovani, anche alla luce di alcuni dati: i giovani fumatori, per esempio, sono 1.3 milioni nella fascia d’età 15-24 anni e l’85 % dei ragazzi inizia a fumare prima del 18° anno di età, quando frequenta la scuola. Ancora: l’obesità infantile è un gravissimo problema. I bambini obesi possono diventare degli adulti obesi con rischi altissimi per patologie degenerative quali il diabete, l’ictus e alcuni tipi di cancro.” Da qui l’importanza del sostegno di tutte le figure della scuola alla task force che opererà  per divulgare la cultura della Prevenzione come metodo di vita, attraverso i nostri giovani promotori della cultura della salute. Bravi ragazzi!

lilt-foto-0 lilt-foto-1 lilt-foto-3

Print Friendly

Allegati

  • Condividi questo post su Facebook

Non è possibile inserire commenti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi